Il Museo

Questo è il primo frantoio della nostra famiglia costruito dal bisnonno Pepin u Roi nel 1900, utilizzando il legno e le pietre della nostra valle.

Le macine di pietra venivano azionate dall’acqua del Torrente Argentina mediante una grande ruota ancora presente all’esterno della casa. Le olive macinate venivano prese con la pala, versate in un carrello in legno e poi messe a mano negli “sportin”. I fiscoli o “sportin” erano fatti a sacco in corda di canapa e le presse venivano strette a braccia.

Infine l’olio e l’acqua venivano versati in un grande paiolo dove avveniva la separazione: l’olio più leggero saliva a galla e veniva “schiumato” mentre l’acqua rimaneva sul fondo. L’olio veniva conservato in giare di terracotta.

Il frantoio-museo è visitabile su prenotazione. Sarò felice di introdurvi nel mio mondo.