logo

Tra i colori e i profumi della valle Argentina, a Badalucco, nella Liguria di ponente, tra ulivi contorti e muretti a secco, l'aria sa ancora di mare, ma è quasi montagna. Una magica terra di mezzo dove la fatica antica di secoli dona il suo nettare dorato: l’Olio Extravergine di Oliva Taggiasca. In questo affascinante contesto prende vita l'idea di Rossella Boeri, quasi una sfida tra la giovane donna e la terra dei vecchi. Inizia una coltivazione biologica e Dop recuperando i terreni di famiglia, ampliandoli con l'acquisto di particelle confinanti, pazientemente ricomposte. L'Azienda agricola Gaaci coltiva gli uliveti della famiglia e fornisce le olive al frantoio Roi. Il nome Gaaci deriva dal longobardo Gahagi, che significava "terreno riservato". La sua denominazione risale alla fase in cui la Liguria passa dal controllo bizantino a quello longobardo nel 643 d. C. sotto il re Rotari. La vantaggiosa esposizione del terreno giustifica una sua iniziale messa a coltura, riservata dunque agli uomini liberi.